Numeri e idee per Sampierdarena e San Teodoro

A Genova c’è un luogo che è al tempo stesso una delle zone con la maggior concentrazione di anziani soli, ma anche di giovani e di residenti stranieri; il cuore del tessuto produttivo cittadino per più di un secolo, oggi decisamente ridimensionato. Un luogo popoloso quanto Savona, che presenta decine di vuoti urbani di grandi dimensioni ed un grande patrimonio culturale trascurato, nel centro della città metropolitana. In poche parole, un luogo delle possibilità e del cambiamento. E’ possibile sviluppare il turismo a Sampierdarena? Come mettere a sistema i grandi e piccoli vuoti urbani dei quartieri? La desertificazione delle abitazioni è un problema che il Municipio può risolvere? Come affrontare la multiculturalità del territorio? Ecco le proposte che abbiamo presentato lunedì 22 gennaio per chiedere a tutte le forze politiche di sinistra e progressiste del territorio di partecipare e confrontarsi, per capire se c’è un programma comune attorno a cui costruire un progetto politico che non lasci il Municipio in mano alle vuote retorica delle destre. Continua a leggere

100 giorni

Ecco cosa faremmo noi nei primi 100 giorni, da luglio a inizio ottobre, che sono manifesto del governo che verrà e momento più importante per impostare più grandi scelte di cambiamento. Per questo proponiamo quindi alcuni provvedimenti immediatamente operativi: sindaco della notte e patto per la musica, opportunità scuola e Genova include tutti. Impulso Genova è un pacchetto di proposte che determina le precondizioni per realizzare di più. Infine alcune necessarie considerazioni su AMT e AMIU. Continua a leggere

Opportunità scuola

La nostra proposta è creare, in collaborazione con gli Istituti scolastici del comune, un sistema di comodato (un prestito gratuito) dei libri di scuola. Un modo per mettere a disposizione gratuitamente i libri di testo a chi ne ha bisogno innescando un circuito virtuoso per cui la platea dei beneficiari aumenta.  Continua a leggere

Manifesto della notte

La movida è cultura, opportunità, intrattenimento ed è anche un’economia. Vogliamo sviluppare un mondo di attività creative e culturali ma anche potenziare i servizi per rendere la nostra città vivibile, accogliente e sicura a tutte le ore del giorno e della notte. Continua a leggere

RECUPERO DEGLI SPAZI

Una proposta che riguarda il censimento degli spazi e degli immobili presenti in città per caratteristiche, condizioni e proprietà; al fine di creare, in una prima fase, un database digitale e pubblico e, successivamente, un piano di pedonalizzazioni, recuperi e demolizioni volto a restituire respiro a una Genova soffocata dal cemento. Continua a leggere

REDDITO MINIMO DI AUTONOMIA

La proposta consiste nell’istituzione di un reddito minimo d’autonomia comunale, secondo il modello di Bari. Lo strumento in questione prevede l’attribuzione di un assegno mensile, e un insieme di servizi per garantire a tutti una vita dignitosa, attraverso la promozione di percorsi di autonomia personalizzati: studio, formazione, collocamento, educazione, terapia, riabilitazione o assistenza. Continua a leggere

ECONOMIA DELLA CONDIVISIONE

L’economia della condivisione (o economia collaborativa) è un sistema economico fondato su pratiche sociali di condivisione, collaborazione e cooperazione. È un modello che non opera secondo i tradizionali modelli economici, basato su differenti logiche sociali, per mettere in discussione le tradizionali distinzioni tra produttore e consumatore. Continua a leggere

MOBILITA'

Seguendo il discorso sul soffocamento della città, in diretta relazione alla prima proposta sulle pedonalizzazioni, è necessario avviare un ragionamento di riduzione del traffico privato, come in altre città europee (Madrid, Parigi), e potenziamento di quello su mezzi pubblici. La proposta deve riguardare il tema delle infrastrutture per il trasporto pubblico e il concetto di società di gestione. Continua a leggere

L'UNIVERSITA'

La proposta riguarda la creazione di una zona universitaria nel Centro Storico, secondo il modello di Bologna, in sinergia con l’Università di Genova e facendo leva sulla proposta del recupero degli spazi. Continua a leggere