Alberto Gabrielli

Alberto Gabrielli è candidato alla camera nel collegio uninominale Liguria 1 per Unione popolare.

LE SUE DICHIARAZIONI

A Suo giudizio, quali sono le due principali proposte della Sua Coalizione sulle quali ritiene fondamentale e urgente un impegno del Parlamento?

Ambiente-pace, lavoro degno.

Nelle attività che precedono questa Sua candidatura può citare la principale esperienza di dialogo sociale e partecipazione a cui ha dato un decisivo contributo, aiutando a combinare saperi e interessi diversi e ad “arrivare al sodo”?

Sessantanni di Politica, cioè di partecipazione al dialogo sociale nelle associazioni per il territorio e per un tempo libero di qualità; di studio e divulgazione scientifica pubblica delle conoscenze ecologiche, del femminismo necessario, della solidarietà, dell'internazionalismo, della Pace. Riassunto in un saggio anomalo "Discrezione".

Come intende attuare la “rappresentanza della Nazione” prevista dalla Costituzione (art. 67) assicurando la propria autonomia da ogni condizionamento, specie da parte di poteri forti? E in particolare con mezzi finanziari di quale provenienza sta finanziando la Sua campagna elettorale?

Tutto ciò che è "Politico" deve essere finanziato in modo pubblico, uguale e certificato. In mancanza di questo mi finanzio con la fatica personale, con le iniziative di autofinanziamento, con la disponibilità di coloro che credono nelle nostre idee. La disparità di mezzi e la totale assenza di pari opportunità di fatto selezionano esclusivamente i poteri forti, quelli che noi osteggiamo e che per questo condizionano integralmente le scelte della Nazione.

Se eletta/o, come pensa di realizzare un dialogo continuo con il proprio territorio di elezione: quanti giorni/ore settimanali dedicherà? In quali “spazi di democrazia” (sedi, piazze, luoghi di lavoro, luoghi pubblici e privati)? Con quale modalità darà conto ai propri elettori delle scelte compiute in Parlamento?

Non dovrò far altro che continuare a comportarmi come faccio da "sempre", dedicando tutto il tempo disponibile alla argomentazione ed alla formazione di una mentalità democratica diffusa, nel lavoro, nelle associazioni, nelle piazze materiali e virtuali. Forse allora potrò anche dedicare il tempo di lavoro che ora impiego per vivere, e potrò fare a meno di sottrarre alla spesa quotidiana 10 € di fotocopie ...

LA CAMPAGNA

Le domande sono parte della campagna ideata dal Forum Diseguaglianze Diversità in vista delle elezioni politiche 2022 per dare strumenti che siano di aiuto a ragionare su programmi e candidature.

Il primo strumento è costituito da sette tabelle che confrontano le proposte delle coalizioni.

Il secondo strumento nasce dall’idea di mirare a un Parlamento composto da persone di valore, il cui operato peserà sul futuro di noi cittadini e cittadine e dei territori in cui viviamo. Proponiamo quattro domande da rivolgere a ogni candidato o candidata in lista che chiede il nostro voto.

Genova che osa ha deciso di sostenere l'iniziativa del ForumDD rivolgendo queste domande a candidate e candidati in posizioni di rilievo nei collegi della Liguria e appartenenti al campo della sinistra e del centrosinistra.

LEGGI DI PIÙ