I sondaggi hanno sbagliato ancora?

Come è andato Duetredue alla prova delle elezioni? Inauguriamo una serie di articoli di analisi sui risultati delle elezioni con un check-up del nostro modello. Abbiano inaugurato l’esperimento Duetredue per dare un servizio chiaro e accessibile, una guida agli elettori in elezioni complicate per lo scenario politico e il nuovo sistema elettorale. Con l’intenzione di proseguire e migliorare il nostro lavoro, intendiamo dedicarci a una revisione di quanto realizzato fino adesso. Continue reading

Il voto dei fuori sede

I sondaggi rivelano che circa il 37% degli elettori italiani potrebbe non recarsi alle urne domenica 4 marzo. Si tratterebbe di un record, per la storia delle elezioni politiche italiane, che avevano raggiunto il minimo storico nel 2013, con poco meno del 25% di astenuti. I dati si fanno più drammatici considerando la stima secondo cui circa il 65-70% degli adolescenti ha intenzione di astenersi, percentuale che scende di poco, al 60%, considerando gli under 25. Continue reading

I cittadini dovrebbero disegnare i propri collegi uninominali?

Mancano ormai poche ore alle elezioni politiche, che si svolgeranno quest’anno con una nuova legge elettorale, cosiddetta Rosatellum bis. Il fatto che si sperimenti un diverso sistema elettorale non è una novità, né ci stupisce. Continue reading

Il voto in Erasmus

Il 4 marzo il voto degli italiani all’estero selezionerà 12 deputati e 6 senatori. Nel 2015 il diritto a votare dall’estero è stato esteso anche ai residenti all’estero temporaneamente, per motivi di lavoro, di studio o di salute da almeno 3 mesi: quindi anche agli studenti Erasmus. Continue reading

Il voto in Europa

La nostra attuale legge elettorale ha un anno di vita, ne abbiamo alternate otto differenti in tutta la storia repubblicana, eppure già sappiamo che questo sistema non è destinato a durare, sempre che il prossimo parlamento riesca a trovare la maggioranza su un metodo alternativo. L’instabilità istituzionale italiana è da caso di studio, ma difficilmente troverà soluzione se i partiti non proveranno a costruire un sistema di voto con l’obiettivo di traguardare risultati di medio periodo rispetto al funzionamento del sistema politico attuale. In un circolo vizioso che è difficile stabilire dove abbia inizio, un po’ come nella storia dell’uovo e della gallina, la legge elettorale influenza il sistema politico e il sistema politico incide sulla legge elettorale. Continue reading

Hashtag Boldrini

Il black out dei sondaggi del 16 febbraio ha congelato le proiezioni di Duetredue, consegnando la maggior parte dei collegi milanesi al Centrodestra. Seppur di pochi punti percentuali, il collegio Milano 3 della Camera non fa eccezione e vede il candidato della Lega Alessandro Morelli in vantaggio su Mattia Mor, per il Partito Democratico. La competizione elettorale sul territorio è resa ulteriormente più aspra dagli altri due contendenti: Manlio Di Stefano, uno dei volti noti del Movimento Cinque Stelle e, soprattutto, Laura Boldrini per Liberi e Uguali, che sta portando avanti una convincente campagna elettorale. Continue reading

Elezioni: esito scontato o ribaltone possibile?

Abbiamo scritto e riscritto del black out dei sondaggi. Lo scenario complessivo delle ultime rilevazioni racconta del Centrodestra a un passo dalla maggioranza in Parlamento. Con una campagna elettorale iniziata lentamente e una percentuale d’indecisi stimata da EMG, che ne ha rilevato in modo continuo il numero, intorno al 12,6%, i numeri potrebbero ancora variare. È però vero che, dallo scioglimento delle Camere, tutti gli schieramenti sembrano aver continuato lungo delle curve costanti, salvo il Centrosinistra che ha accelerato la perdita di consensi. Continue reading

Il black out dei sondaggi

Sabato è scattato il divieto di pubblicare sondaggi che perdurerà fino al giorno del voto. Si tratta di un divieto inserito nella legge sulla “par condicio” del 2000, promulgata ai tempi del secondo Governo D’Alema. Per chi ama le formalità, questa legge è la numero 28 del 2000, intitolata ufficialmente “Disposizioni per la parità di accesso ai mezzi di informazione durante le campagne elettorali e referendarie e per la comunicazione politica”. Infatti, par condicio si può tradurre come “parità di condizioni” e segue quella passione di affibbiare nomignoli in latinorum a certe regolamentazioni tecniche del nostro sistema politico. Continue reading

Ultimo aggiornamento, da domani sondaggi vietati

Pubblichiamo un aggiornamento delle nostre proiezioni elettorali di venerdì, perché da domani sarà proibito diffondere in qualunque modo sondaggi. Continue reading