La nostra
valutazione

Convincenti i punti relativi a Europa e ambiente. Il punto relativo all’uguaglianza esprime singole proposte apprezzabili ma manca una visione. Il punto sulla solidarietà presenta proposte condivisibili ma mancano riferimenti alla questione centrale delle migrazioni.

4/5

Le risposte
del candidato

Per un'Europa più unita

Un’Europa federale per governare la globalizzazione, riconoscendo al tempo stesso la sussidiarietà per ogni Stato membro.
Politica estera e migratoria comune, per superare egoismi nazionali e affrontare adeguatamente il fenomeno migratorio, senza trattarlo come una continua emergenza.
Una digital tax europea, per tassare i colossi del web, rendendo più equa la nostra politica fiscale e facendo pagare le tasse lì dove i profitti vengono generati. Un’Europa unita per un’Europa più sociale: sussidio europeo disoccupazione, unione fiscale e strumenti di welfare europeo.

Per un'Europa più eguale

Portabilità dei diritti sociali e pensionistici anche all’estero e regole più eque per i lavoratori transfrontalieri.
Difesa dei diritti delle persone con disabilità e delle loro famiglie, con fondi e strumenti per abbattere gli ostacoli che affrontano ogni giorno. Nuove regole europee sull’accessibilità di prodotti e servizi, adattabili ai bisogni e alle situazioni individuali.

Una nuova legge europea per cancellare il divario di genere nelle retribuzioni e nelle pensioni. Sostegno al volontariato, più Erasmus anche per gli studenti delle scuole medie e superiori e per i giovani lavoratori in formazione, con Erasmus PRO.

Un nuovo piano d’azione europeo per i diritti delle persone LGBTQI: sbloccare la legge europea contro la discriminazione per motivi religiosi o per convinzioni personali, disabilità, età o orientamento sessuale.

Per un'Europa più solidale

Lotta alla povertà infantile: una Garanzia per i Bambini che assicuri a tutti i bimbi a rischio povertà accesso gratuito a assistenza sanitaria, istruzione, servizi per l’infanzia, alloggio e a una alimentazione adeguata.

Un sussidio europeo di assicurazione contro la disoccupazione, per tutelare i posti di lavoro, soprattutto nei Paesi più colpiti dalla crisi economica.

Una legge europea sulla responsabilità sociale d’impresa, per impegnare le grandi imprese allo sviluppo sostenibile delle regioni in cui operano. Lotta alla precarietà con una direttiva quadro sulle condizioni di lavoro, per garantire a tutti i lavoratori, anche gli “atipici” e gli autonomi, protezione sociale e servizi previdenziali, mettendo al bando tirocini, stage e apprendistati non retribuiti.

Per un'Europa più verde

Dimezzamento delle emissioni inquinanti entro il 2030 e l’azzeramento delle emissioni nette entro il 2050. Transizione verso sistemi ecologici sostenibili con forte supporto alla nostra agricoltura e pesca con un paino di investimenti coraggioso, favorendo la riqualificazione dei sistemi produttivi.

Economia circolare, sostegno alle energie rinnovabili e riduzione del consumo di plastica a livello europeo, tutelando i nostri mari e i nostri ecosistemi, riducendo la mole di rifiuti prodotti annualmente.

Commento libero

In questi ultimi cinque anni mi sono battuto insieme ai miei colleghi per assicurare risorse adeguate da destinare allo sviluppo dei nostri territori, per politiche sociali europee che aiutassero i più bisognosi, per programmi di lotta alla disoccupazione giovanile e alla povertà, per politiche migratorie che distribuissero le responsabilità dell’accoglienza in maniera equa. Queste elezioni sono l’occasione per reagire al lavoro del governo dei nazionalisti presente oggi in Italia e dare battaglia per un’idea di Europa che metta i bisogni concreti delle persone al centro della sua agenda!

Criteri
e metodo

Vogliamo un’Europa più unita e più giusta. Per fare la differenza, votare non basta. È infatti necessario votare per le candidate e i candidati giusti, che s’impegnino a portare avanti le nostre idee. Per questo, abbiamo chiesto alle candidate e ai candidati che hanno aderito all’appello “Hope – Per un’Europa più unita e più giusta” di esporci brevemente i loro impegni sugli obiettivi che condividiamo per un’Europa più unita, che lotta per uguaglianza, solidarietà e ambiente.

Per aiutare ogni elettrice ed elettore a orientarsi, nelle scheda dedicata a ciascuna candidata o candidato riportiamo il nostro voto sulle sue risposte, con una sintetica motivazione. I voti sono frutto della media delle valutazioni per ogni risposta dati da tre diversi attivisti della campagna Hope. La scala dei voti è questa: 1 o 2 “adesione non convincente”, 3 “adesione convincente”, 4 o 5 (“adesione molto convincente”.

Le valutazioni sono state date avendo riguardo alla persuasività e coerenza degli impegni delle candidate e candidati in relazione ai quattro punti oggetto dell’appello. Si è anche tenuto conto della credibilità degli impegni, sia rispetto alle liste nazionali e ai gruppi europei di appartenenzi, sia rispetto alle sue attività trascorse nel Parlamento europeo, in caso di parlamentari in carica che si ricandidano.

Possiamo fare la differenza
La battaglia per un'Europa più unita, eguale, solidale e verde non finisce il giorno delle elezioni. Comunque andranno queste elezioni continueremo a lottare per un'Europa più unita e giusta, unisciti a noi.

Tienimi aggiornato. I tuoi dati personali saranno trattati in sicurezza e non saranno ceduti a terzi a fini commerciali, nel pieno rispetto della Privacy in base al Regolamento Europeo sulla protezione dei dati.

La nostra campagna

Firma l'appello:
impegnati a votare

Ci impegniamo a votare per un’Europa diversa. Insieme, possiamo fare la differenza.

Chiedi un impegno
ai candidati

Facciamo pressione sui candidati perchè si assumano impegni chiari e precisi.

Hope fest: scendi
in piazza il 19 maggio

Il 19 maggio a Genova organizziamo un grande concerto per condividere la speranza.

Faccia a faccia:
parla con gli amici

Andiamo a parlare con le persone e portiamo al voto chi vuole un’Europa più giusta.

Hope - Per un'Europa più unita e giusta è una campagna per portare al voto gli elettori progressisti.

Organizzato da
Promosso da
Aderiscono

Comunità San Benedetto al Porto, Creative Fighters, Parteciparty, Suq Genova, Fridays for Future Genova, Poliedri, Pioggia Rossa Dischi, AOI, Osservatorio AiDS - Aids Diritti Salute, Aidos - Associazione italiana donne per lo sviluppo, Centro Einstein di Studi Internazionali (CESI), GFE Torino, GFE Piemonte, Comitato Promotore Osservatorio Civico Ligure.