La nostra
valutazione

Condivisibile la riflessione sull’Europa, anche se pare politicamente più debole. Anche la proposta sull’uguaglianza è, a nostro giudizio, meno articolata rispetto ad altri. Molto più convincenti i punti su solidarietà e ambiente.

4.25/5

Le risposte
della candidata

Per un'Europa più unita

Condivido l'obiettivo e mi impegnerò a rafforzare il potere del parlamento europeo e dargli il potere legislativo che gli spetta, nonché migliorare gli strumenti di democrazia diretta esistenti (maggiori poteri all' ICE) e implementarne di nuovi. Mi impegnerò anche nella promozione di tutte quelle attività di scambio tra le popolazioni europee (studenti, lavoratori, volontari, enti locali, imprese…) perché la vera unione la creano le persone conoscendosi e incontrandosi. Serve un sentimento europeo di appartenenza per contrastare divisioni e sovranismi e va costruito con politiche che agevolino esperienze concrete per tutte le fasce della popolazione, a partire dai giovani.

Per un'Europa più eguale

Condivido l'obiettivo e mi impegnerò affinchè la scuola in Europa riceva la stessa grande attenzione in tutti i paesi, con adeguati standard minimi di finanziamento e qualità. La possibilità di scambio (1 anno di scuola in un altro paese) va incentivata, sostenuta e facilitata, già a livello di scuola superiore, senza costi a carico delle famiglie.

Per un'Europa più solidale

Condivido l'obiettivo. I diritti umani, in primis il diritto di asilo, ma anche il diritto alla ricerca di una vita dignitosa, devono essere garantiti a tutti i cittadini del mondo. Ritengo urgente l'attivazione su larga scala dei corridoi umanitari per tutte le persone che hanno diritto di asilo, per fermare la strage nel mediterraneo. Si deve investire su serie politiche di integrazione, aiutare le comunità locali dei territori in crisi (v. caso Riace) che si impegnano nella rinascita attraverso l'accoglienza. Rivedere le norme sulla registrazione dei migranti e dare loro maggiore libertà di movimento nell'UE, tenendo conto delle situazioni personali (es. presenza di parenti in un dato paese). In sintesi non considerare il migrante come un invasore ma come un futuro cittadino UE in grado di apportare il suo contributo alla crescita, ai valori e al benessere dell'UE.

Per un'Europa più verde

Condivido l'obiettivo e lo ritengo estremamente urgente, in quanto ritengo il cambio climatico e le devastazioni ambientali tra le cause di guerre e carestie, quindi di migrazioni di massa che portano tensioni e razzismo. I cambi alle politiche energetiche e ambientali vanno fatti subito: stop incentivi ai combustibili fossili e loro diminuzione progressiva, stop progressivo alla plastica, imballaggi plastici fuorilegge, azioni comuni con i paesi del mediterraneo per la salvaguardia del mar, risanamento energetico del patrimonio immobiliare, energie rinnovabili, protezione della biodiversità, aumento aree protette, ricerca e innovazione perl'economia circolare, trasporti pubblici potenziati, piste ciclabili e tanto altro. Gli obiettivi devono essere a più breve termine ed avere vincoli immediatamente applicabili nei confronti degli stati membri, costituiti da azioni concrete e facilmente misurabili.

Commento libero

Mi ritrovo completamente in tutte le proposte: sogno un europa unita, accogliente, solidale, che indichi la rotta per la difesa dell'ambiente e il cambio di modello di sviluppo e di stile di vita, sostenibili per le future generazioni e per il nostro pianeta.

Criteri
e metodo

Vogliamo un’Europa più unita e più giusta. Per fare la differenza, votare non basta. È infatti necessario votare per le candidate e i candidati giusti, che s’impegnino a portare avanti le nostre idee. Per questo, abbiamo chiesto alle candidate e ai candidati che hanno aderito all’appello “Hope – Per un’Europa più unita e più giusta” di esporci brevemente i loro impegni sugli obiettivi che condividiamo per un’Europa più unita, che lotta per uguaglianza, solidarietà e ambiente.

Per aiutare ogni elettrice ed elettore a orientarsi, nelle scheda dedicata a ciascuna candidata o candidato riportiamo il nostro voto sulle sue risposte, con una sintetica motivazione. I voti sono frutto della media delle valutazioni per ogni risposta dati da tre diversi attivisti della campagna Hope. La scala dei voti è questa: 1 o 2 “adesione non convincente”, 3 “adesione convincente”, 4 o 5 (“adesione molto convincente”.

Le valutazioni sono state date avendo riguardo alla persuasività e coerenza degli impegni delle candidate e candidati in relazione ai quattro punti oggetto dell’appello. Si è anche tenuto conto della credibilità degli impegni, sia rispetto alle liste nazionali e ai gruppi europei di appartenenzi, sia rispetto alle sue attività trascorse nel Parlamento europeo, in caso di parlamentari in carica che si ricandidano.

Possiamo fare la differenza
La battaglia per un'Europa più unita, eguale, solidale e verde non finisce il giorno delle elezioni. Comunque andranno queste elezioni continueremo a lottare per un'Europa più unita e giusta, unisciti a noi.

Tienimi aggiornato. I tuoi dati personali saranno trattati in sicurezza e non saranno ceduti a terzi a fini commerciali, nel pieno rispetto della Privacy in base al Regolamento Europeo sulla protezione dei dati.

La nostra campagna

Firma l'appello:
impegnati a votare

Ci impegniamo a votare per un’Europa diversa. Insieme, possiamo fare la differenza.

Chiedi un impegno
ai candidati

Facciamo pressione sui candidati perchè si assumano impegni chiari e precisi.

Hope fest: scendi
in piazza il 19 maggio

Il 19 maggio a Genova organizziamo un grande concerto per condividere la speranza.

Faccia a faccia:
parla con gli amici

Andiamo a parlare con le persone e portiamo al voto chi vuole un’Europa più giusta.

Hope - Per un'Europa più unita e giusta è una campagna per portare al voto gli elettori progressisti.

Organizzato da
Promosso da
Aderiscono

Comunità San Benedetto al Porto, Creative Fighters, Parteciparty, Suq Genova, Fridays for Future Genova, Poliedri, Pioggia Rossa Dischi, AOI, Osservatorio AiDS - Aids Diritti Salute, Aidos - Associazione italiana donne per lo sviluppo, Centro Einstein di Studi Internazionali (CESI), GFE Torino, GFE Piemonte, Comitato Promotore Osservatorio Civico Ligure.