Laura Tonelli

Laura Tonelli è candidata alla camera nel collegio uninominale Liguria 3 per Unione popolare.

LE SUE DICHIARAZIONI

A Suo giudizio, quali sono le due principali proposte della Sua Coalizione sulle quali ritiene fondamentale e urgente un impegno del Parlamento?

Le due principali proposte di Unione Popolare con De Magistris, sulle quali ritengo fondamentale e urgente un impegno in Parlamento sono: l'abolizione del Jobs Act, con il ripristino dell'art. 18 dello Statuto dei Lavoratori, per ridare dignità e sicurezza al lavoro e l'abolizione della "Buona Scuola" per restituire alla scuola italiana, ai docenti e non docenti, alle studentesse e agli studenti la dignità e la centralità che meritano.

Nelle attività che precedono questa Sua candidatura può citare la principale esperienza di dialogo sociale e partecipazione a cui ha dato un decisivo contributo, aiutando a combinare saperi e interessi diversi e ad “arrivare al sodo”?

La principale esperienza di dialogo sociale e partecipazione a cui ho dato un decisivo contributo è stata la creazione della "Casa del Quartiere di Sampierdarena", di cui sono stata cofondatrice e attivista dal 2013 al 2015: uno spazio comune collocato nel giardino della Villa Grimaldi La Fortezza, cogestito da diverse associazioni con iniziative aperte a tutta la popolazione (Arena Estiva per la proiezione di film, spettacoli, mostre, dibattiti e punto di ristoro a prezzi popolari).

Come intende attuare la “rappresentanza della Nazione” prevista dalla Costituzione (art. 67) assicurando la propria autonomia da ogni condizionamento, specie da parte di poteri forti? E in particolare con mezzi finanziari di quale provenienza sta finanziando la Sua campagna elettorale?

E' nel dna di Unione Popolare il fatto di essere libera e indipendente dai poteri forti. Noi candidate e candidati di Unione Popolare non apparteniamo a nessuna élite, non siamo dei privilegiati che mirano a ottenere un posto in Parlamento per interessi personali. Siamo comuni cittadine e cittadini che si impegnano a rappresentare chi non ha voce e a portare avanti ideali di pace, giustizia sociale ed economica, facendo applicare i valori della Costituzione, fondata sull'antifascismo. Anch'io, come le altre candidate e candidati di UP, finanzio autonomamente la mia campagna elettorale e contribuisco alle spese generali attingendo ai risparmi faticosamente accantonati negli anni.

Se eletta/o, come pensa di realizzare un dialogo continuo con il proprio territorio di elezione: quanti giorni/ore settimanali dedicherà? In quali “spazi di democrazia” (sedi, piazze, luoghi di lavoro, luoghi pubblici e privati)? Con quale modalità darà conto ai propri elettori delle scelte compiute in Parlamento?

Non sono in grado di definire a priori quanti giorni/ore settimanali dedicherò al dialogo e al rapporto con il territorio, ma sarò presente in tutti gli “spazi di democrazia” da voi individuati (sedi, piazze, luoghi di lavoro, luoghi pubblici e privati), nei quali da sempre sono partecipe con il mio attivismo e darò conto delle scelte compiute in Parlamento attraverso ogni canale utile (media, social, incontri pubblici). Se sarò eletta e quindi - solo temporaneamente - esonerata da impegni di lavoro, potrò dedicarmi a tempo pieno al servizio del Paese.

LA CAMPAGNA

Le domande sono parte della campagna ideata dal Forum Diseguaglianze Diversità in vista delle elezioni politiche 2022 per dare strumenti che siano di aiuto a ragionare su programmi e candidature.

Il primo strumento è costituito da sette tabelle che confrontano le proposte delle coalizioni.

Il secondo strumento nasce dall’idea di mirare a un Parlamento composto da persone di valore, il cui operato peserà sul futuro di noi cittadini e cittadine e dei territori in cui viviamo. Proponiamo quattro domande da rivolgere a ogni candidato o candidata in lista che chiede il nostro voto.

Genova che osa ha deciso di sostenere l'iniziativa del ForumDD rivolgendo queste domande a candidate e candidati in posizioni di rilievo nei collegi della Liguria e appartenenti al campo della sinistra e del centrosinistra.

LEGGI DI PIÙ