AGGIORNAMENTO: In queste settimane la guerra in Ucraina ha determinato una profonda crisi umanitaria. Aumentare la spesa militare e inviare armi ai paesi belligeranti non è una soluzione ma un modo per aggravare il problema.

Partecipa alla manifestazione
sabato 2 aprile alle ore 15 in piazza San Lorenzo con il Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali e l'arcivescovo di Genova Tasca.

Ci schieriamo in modo irrevocabile per la pace. Siamo pronti a far sentire la nostra voce affinchè Italia e Europa agiscano per trovare soluzioni pacifiche.

Quanto sta accandendo in Ucraina ci lascia attoniti. Dopo il dramma della seconda guerra mondiale non si era mai più arrivati così vicini a uno scontro militare in europa.

L'Italia e l'Europa devono agire per scongiurare lo scoppio delle ostilità. Noi, come società civile, dobbiamo essere pronti a far sentire la nostra voce per indicare a chi governa che c'è una sola strada possibile da intraprendere, quella del rifiuto dell'uso della guerra per risolvere le controversie internazionali.

Firma la nostra dichiarazione e unisciti a noi per preparare la mobilitazione nelle prossime settimane.

571 firme
571 su 800 firme

Ci schieriamo in modo irrevocabile per la pace. Siamo pronti a far sentire la nostra voce affinchè Italia e Europa agiscano per trovare soluzioni pacifiche.

571 firme
Firma