No al raddoppio
delle rette scolastiche

1.607 hanno firmato. Arriviamo a 1.600
1607 FIRME
Diretta a

Marco Bucci, sindaco di Genova

Promossa da

Genova che osa

Petizione
Bucci ha deciso di raddoppiare le rette delle scuole superiori gestite dal comune.
Una scelta che mette in difficoltà le famiglie più povere, discriminando in base al reddito.

Bucci ha deciso di aumentare drasticamente le rette delle scuole superiori gestite direttamente dal Comune di Genova tramite la fondazione Fulgis. Una famiglia con ISEE a 20.000 euro si troverà a pagare 950 euro contro i precedenti 400. Per le fasce superiori si passa da 600 euro a 1425 per chi ha un ISEE di 30.000 euro e da 700 euro a 1900 con un ISEE a 40.000 euro.

Genova è una città divisa da profonde diseguaglianze a partire proprio da differenti possibilità di accesso all’istruzione. L’azione di Bucci risponde a una idea di Genova in cui i più benestanti vanno avanti e tutti gli altri vengono lasciati indietro e abbandonati.

Bisogna invece combattere le diseguaglianze, per una società più eguale in cui a tutti sono date le medesime opportunità. Un percorso di scuola può cambiare la vita e non è giusto che qualcuno possa essere escluso perchè la sua famiglia non ha i soldi per potersi permettere rette sempre più care.

Il consigliere comunale Alessandro Terrile ha annunciato che presenterà una interrogazione a riguardo in consiglio comunale, attendiamo la discussione e chiediamo a Bucci di rivedere immediatamente la sua decisione e di attuare invece una politica per favorire tutti i giovani genovesi, affinché tutti abbiano le stesse opportunità.

Condividi
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Invia per email Invia su WhatsApp Invia su Telegram
FIRMA LA PETIZIONE

Chiedo a Marco Bucci di rivedere la sua decisione di raddoppiare le rette delle scuole superiori gestite dal comune. Una scelta che mette in difficoltà le famiglie più povere, discriminando in base al reddito.

Acconsento al trattamento dei miei dati personali, secondo la privacy policy di Genova che osa.