Recovery fund: il nostro piano per una scuola che contrasta le diseguaglianze

Lo sviluppo della scuola, che ha il compito fondamentale di promuovere le uguali opportunità, contrastare le disuguaglianze e la povertà immateriale, favorire lo sviluppo dei diversi e specifici talenti e delle vocazioni personali delle giovani e dei giovani cittadini.

 

Nuove scuole

Il recupero delle scuole esistenti e soprattutto di immobili vuoti e abbandonati nella regione può essere rivolto alla creazione di poli scolastici nelle aree interne e periferiche, per crearne dove adesso non sono presenti oppure per sostituire quelli più degradati. I nuovi poli devono essere comprensivi di più gradi e tipologie di classi, moderni, sicuri sotto il profilo ambientale, sismico e idrogeologico, e attrezzati, con spazi adeguati per gli studenti e per le attività in classe e di doposcuola, anche utilizzabili per attività ricreative e culturali destinate agli abitanti del territorio.

400 milioni di euro, di cui metà per interventi urgenti di recupero delle scuole esistenti e metà per circa 15 nuovi poli scolastici comprensivi nelle aree interne e periferiche.

 

Più scuole dell’infanzia

L’ampliamento dell’offerta delle scuole dell’infanzia, in modo da coprire la domanda potenziale in forma pubblica e accessibile a partire dalle aree interne e periferiche, come se fosse un ciclo di scuola dell’obbligo.

100 milioni di euro per aumentare le sezioni pubbliche di scuola dell’infanzia nelle aree interne e periferiche.

 

Digitalizzazione

Il sostegno alla digitalizzazione delle scuole e delle studentesse e studenti, a partire da quelle e quelli che vivono in famiglie più vulnerabili.

50 milioni di euro, di cui metà rivolti alle scuole e metà direttamente a studentesse e studenti.

 

Libri di scuola gratis

L’istituzione di un sistema regionale di comodato gratuito dei libri di testo, di modo che siano gratuiti per tutte le studentesse e tutti gli studenti fino al completamento degli studi delle superiori.

10 milioni di euro per un fondo che garantisca la sostenibilità della misura sul breve periodo.

Mostra 1 risposta

Oppure entra con l'email

    Controlla la tua email per attivare il profilo.
    300 sostenitori
    300 su 500 sostenitori

    Sostieni il nostro piano?

    Si
    No
    Sostieni il nostro piano?