“Operazione Trasparenza Totale”: Rete a Sinistra rende note le cifre del primo bilancio semestrale relativo all’attività del gruppo in regione. Gestione economica all’insegna della sobrietà e del risparmio: il 95% dei fondi assegnati al funzionamento del gruppo, infatti, non è stato toccato e sarà restituito alla collettività. «Anche questa volta abbiamo mantenuto le promesse – dichiara il consigliere Gianni Pastorino, che spiega -, a ciascun consigliere sono assegnati semestralmente 3835 Euro per l’attività istituzionale, noi ne restituiamo 3634». Scorrendo il bilancio, le voci di spesa sembrano un deserto abitato da tanti zero: figurano soltanto 108 Euro di spese editoriali, 52,50 Euro di cancelleria, 40 Euro di commissioni bancarie.

Risparmiati oltre 6.000 Euro anche nel capitolo spese del personale (il 16% del totale assegnato al gruppo): «nel nostro ufficio lavorano tre contratti tipici, che corrispondono a poco più di 2 posizioni fulltime – aggiunge Pastorino -; ovviamente abbiamo versato tutti gli oneri fiscali e previdenziali». Insomma, nessuna “spesa pazza”: niente cene, niente regalie, niente spese di rappresentanza, niente viaggi, nessun acquisto di costoso materiale informatico o tecnologico, massimo ricorso a strumenti e materiali forniti dalla Regione.

«Mentre ancora infuria la tempesta sulle “Spese Pazze”, con nuovi interrogatori e avvisi di garanzia, noi siamo in grado di spiegare per filo e per segno i nostri primi 6 mesi della legislatura. Non abbiamo segreti da nascondere su persone assunte, correttezza dei contratti adottati, spese sostenute – sottolinea Pastorino, che rincara -; la trasparenza non è uno slogan: invitiamo le altre forze politiche a fare altrettanto, al di là dei proclami e di chi si ritiene più onesto degli altri». Il bilancio è stato consegnato ieri all’ufficio di presidenza e domani, 19 febbraio, sarà posto al vaglio della Corte dei Conti.

«Questa nostra capacità di risparmio non comporta minore attività istituzionale – conclude Pastorino -; siamo uno dei gruppi che lavora di più, considerato che, con un solo consigliere, Rete a Sinistra ha prodotto il 18% dell’attività istituzionale». Spese inversamente proporzionali all’attività: “tanta resa e poca spesa”.

Il bilancio completo sarà pubblicato interamente a breve, dopo la verifica in corso della Corte dei Conti.